Giornata dei Castelli a Varzi e Bagnaria in Oltrepò Pavese


GIORNATA DEI CASTELLI

A VARZI E BAGNARIA


Sabato 15 Maggio 2010
Domenica 16 Maggio 2010

Sabato 15 e domenica 16, in Valle Staffora avrà luogo un fine settimana all’insegna della buona cucina e della rievocazione storica dei castelli e delle potenti famiglie dei Malaspina, Fieschi, Doria e Sforza.
In occasione della “Giornata nazionale dei castelli 2010” che si svolge ogni anno a metà maggio, la Delegazione di Pavia dell’ Istituto Italiano dei Castelli – ente onlus che si interessa dello studio e della valorizzazione dell’architettura fortificata – e le Amministrazioni dei Comuni di Varzi, Bagnaria e Torriglia organizzano un ciclo di conferenze, da tenersi a Varzi, sulle feudali famiglie che nel Medioevo dominarono su tutta la Valle Staffora, costruendovi numerosi castelli e rocche.
Alle conferenze seguiranno le visite guidate, aperte gratuitamente al pubblico, al Castello Malaspina di Varzi ed alla Rocca dei Fieschi di Bagnaria ed ai loro rispettivi borghi antichi.
Verrà ricordata anche la famosa e storica “via del sale” che, provenendo dalla Lomellina e da Pavia, da Varzi saliva sui crinali delle colline al Pian dell’Armà, a Capannette di Pey, a Capanne di Carrega e al monte Antola, per poi scendere a Torriglia, alla Scoffera e giù verso Sori e Recco, in Liguria. Questa strada, o meglio sentiero impervio, era percorsa da interminabili carovane di muli da soma che trasportavano i cereali lombardi in Liguria e, di ritorno, portavano il prezioso sale da cui la via prese il nome
La “via del sale” servirà da gemellaggio storico tra le due città di Varzi e Torriglia, poste sullo stesso percorso e punti di riferimento per il pagamento delle gabelle e di sosta dei carovanieri. Infatti, la giornata dei castelli si svolgerà in contemporanea nelle due città, sempre con conferenze e visite guidate.
Il calendario, più in dettaglio, sarà il seguente:
a Varzi, sabato mattina, alle ore 10,30, presso la sala del Castello Malaspina , studiosi ed il noto scittore pavese Mino Milani illustreranno i castelli della Valle Staffora e tratteranno le vicende storiche dei Malaspina dello Spino fiorito e dello Spino secco, dei Fieschi e dei Doria, potenti famiglie genovesi, e degli Sforza di Santa Fiora, parenti dei più famosi Sforza di Milano. Si parlerà dell’araldica di questi casati e verranno illustrati i loro stemmi. Verrà ricordata la “via del sale” con le vicende, anche tragiche, dei banditi che la infestavano, delle rapine, dei sequestri e delle vendette dei castellani che, nelle galere dei loro castelli, ricorrevano alle torture ed alle impiccagioni.
Il pomeriggio di sabato, dopo la pausa pranzo nelle tipiche trattorie del borgo antico di Varzi , noto pure per il suo salame DOC, seguirà la visita guidata dalla Dott.ssa Marta Campeggi al Castello Malaspina di Varzi ed alla Torre delle Streghe, dove nel 1460 vennero imprigionate e lasciate morire venticinque contadine varzesi accusate di stregoneria.
La visita proseguirà nel caratteristico borgo antico di Varzi, nella pittoresca strada/piazza chiusa alle estremità dalle due porte turrite, Sottana e Soprana, e le due Chiese dei Bianchi e dei Rossi, dove gli sbirri dei Malaspina riscuotevano le gabelle dai carovanieri. Si vedranno anche le caratteristiche stradine porticate, un tempo ricche di botteghe e di bettole dove si riparavano i muli e alloggiavano i carovanieri.
Domenica, 16 maggio,alle ore 10,30, si ripeterà la visita guidata al Castello Malspina e al borgo antico di Varzi.
Successivamente nel pomeriggio, alle ore 15,00, a Bagnaria, si svolgerà la visita guidata dalla Dott.ssa Sandra Frattini al vecchio borgo fortificato, arroccato sullo sperone roccioso, dotato di una caratteristica porta d’ingresso. Si visiterà l’antica rocca dei Fieschi, ora ridotta ad un rudere, ed il Palazzo Malaspina, dove sul portale spicca ancora lo stemma del ramo dei Malaspina dello Spino secco. Si percorreranno le caratteristiche stradine del borgo voluto dai Fieschi, che l’Amministrazione comunale, ora, sta valorizzando con un lodevole e attento recupero filologico rivolto al rispetto dell’ambiente originario, con l’utilizzo di materiali della tradizione locale: ciottolato, murature in pietra, serramenti e gronde in legno.
La visita del borgo antico di Bagnaria si rivelerà una scoperta per la maggior parte dei cittadini lombardi che, nei fine settimana, percorrono la Valle Staffora in cerca di verde e di frescura.